HomeDREAMMaputo, Mozambico – Inaugurazione dell’XI Corso di Formazione Panafricano del Programma DREAM
07
Set
2007
07 - Set - 2007



Il 6 settembre è stato inaugurato a Maputo, in Mozambico, l’XI Corso Panafricano di formazione del Programma DREAM,per operatori sanitari (medici, infermieri, biologi, tecnici di laboratorio,attivisti) che operano nel campo dell’HIV/AIDS.
Al corso partecipano piu’ di 200 persone che vengono dal Mozambico e da altri 12 paesi: Malawi, Kenya, Tanzania, Angola, Guinea Conakry, Guinea Bisassau, Costa d’Avorio, Madagascar, Camerun, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo e Vietnam.  
L’obiettivo del corso è formare personale locale e approfondire il modello di DREAM per la cura dell’AIDS. I lavori sono stati aperti dall’arcivescovo di Maputo, Francisco Chimoio, che ha invitato i partecipanti a pensare al loro lavoro come a una missione, quella di “dare speranza ai malati. Il vostro è un lavoro per la vita e dev’essere fatto con passione. Non basta essere dei professionisti competenti. La vostra missione è lavorare con passione, passione per i malati. Il malato è un uomo, un donna con la sua dignità. Può perdere le forze, soffrire e coprirsi di piaghe, ma resta un uomo”.
Il dr. Saide Mousinho, Direttore nazionale della Salute, a nome del Ministro della Salute del Mozambico, ha salutato i partecipanti e rivolgendosi alle donne del movimento “Mulheres para o DREAM” ha detto che “il paese ha bisogno di donne coraggiose come loro, ha bisogno di eroi per dare speranza al paese”.
E proprio una di queste donne, Ivonne Nanposse, ha testimoniato attraverso la sua esperienza personale come la vita può tornare a essere pienamente vissuta anche se malati: la speranza di un futuro, il lavoro per gli altri, in particolare per i bambini e le loro madri, danno una nuova dignità.
A nome della Comunità di Sant’Egidio il dr. Gianni Guidotti ha ricordato la lunga storia di amicizia che lega Sant’Egidio al Mozambico, un’amicizia che è “un ponte che unisce Africa ed Europa, eliminando ogni distanza, cercando di colmare quell’abisso di ingiustizia che separa la vita e il destino di molti malati africani da quello degli abitanti del Nord del mondo”.
La cerimonia ha dato il via al corso, che continuerà fino al 14 settembre per la parte teorica e proseguirà fino alla fine di settembre per i tirocini delle diverse figure professionali.

Rassegna stampa:

Canal de Moçambique

IRIN PlusNews

DN

NEWSLETTER

Mantieniti in contatto con DREAM