HomeDREAMMozambico: DREAM 2.0 a Estaquinha per la salute delle donne con HIV
26
Ott
2015
26 - Ott - 2015



estaquinha_1La salute e la promozione della donna è uno degli obiettivi principali del programma DREAM 2.0, con il quale la Comunità di Sant’Egidio ha realizzato non solo opere per migliorare l’assistenza sanitaria particolarmente per le donne HIV positive, ma ha reso tante di loro protagoniste e insostituibili nel counselling, nel peer education e nella lotta allo stigma, con la forza della loro testimonianza e del loro ruolo nella società africana.

Nell’ambito di questo importante obiettivo si è sviluppato negli ultimi tre anni, e termina il prossimo 31 ottobre 2015, il progetto “Saving HIV positive mothers in Mozambique” supportato dal programma Merck for Mothers. Tra i risultati più importanti l’avvio delle attività di assistenza tecnica del programma DREAM presso il centro di salute di Estaquinha, nella provincia di Sofala.

In questi tre anni sono stati formati più di 600 medici, infermieri, tecnici, biologi mozambicani per migliorare i servizi offerti a migliaia di donne con HIV in gravidanza che vivono nell’area di Maputo, Matola e nelle province di Sofala e Gaza.

Una delle sfide del progetto era coinvolgere il più possibile le risorse umane e i centri di cura e assistenza del Servizio Sanitario Nazionale Mozambicano, nell’ottica di rispondere al bisogno di lavoratori sanitari specializzati nell’affrontare l’epidemia di HIV/AIDS e in particolare la salute materno-infantile. Oltre a 7 centri di cura DREAM, sono state coinvolte tre maternità pubbliche di Chalocuane, Macìa e Chicumbane.

estaquinha_2A inizio 2015, è stata identificata una quarta maternità pubblica della provincia di Sofala, dove avviare un processo di integrazione tra servizi antenatali, cure materno-infantili e programma per l’eliminazione della trasmissione del virus HIV da madre a figlio (EMTCT). Il centro di salute di Estaquinha si trova nel distretto di Bùzi ed è gestito dal Ministero della Salute Mozambicano e da un’associazione chiamata ESMABANA. Localizzato a circa 180 km dalla città di Beira, il distretto ospita circa 35.800 abitanti, per la maggior parte lavoratori nei settori dell’agricoltura e della pesca. Anche a causa del basso tasso di alfabetizzazione, ci sono molte gravidanze precoci e molti casi di HIV, tubercolosi e malaria. Questa maternità nel 2014 aveva ospitato circa 1.350 parti. Il nuovo piano del Governo Mozambicano per combattere l’HIV/AIDS prevede la realizzazione di punti salute in cui oltre all’assistenza sanitaria di base siano offerti nello stesso luogo anche servizi per le persone che vivono con HIV/AIDS, con lo scopo di rendere più semplice l’accesso e ampliare la copertura del trattamento antiretrovirale.

Ad aprile 2015, come era avvenuto per tutti gli altri centri coinvolti nel progetto finanziato da Merck for Mothers, sono iniziate le attività di formazione del personale che hanno seguito un’analisi del fabbisogno formativo dei lavoratori e l’equipaggiamento delle sale adibite all’EMTCT. I temi principali sono stati legati alle linee guida dell’OMS riguardo le donne sieropositive in gravidanza, all’utilizzo del programma di gestione dei pazienti e di raccolta dati DREAM_S e l’approccio integrato della Comunità di Sant’ Egidio ad una malattia come l’HIV (integrazione alimentare, monitoraggio diagnostico di alta qualità, supporto psico-sociale).

Ad agosto 2015, sono cominciate le vere e proprie attività di cura con la supervisione tecnica di un team proveniente dal centro DREAM di Beira composto da clinici ed expert clients. Per due settimane i supervisori hanno seguito le attività di accoglienza delle donne in gravidanza, test e counselling volontario, avvio al programma EMTCT, monitoraggio diagnostico, attività per il controllo dell’aderenza e della retention al programma.  In due mesi e mezzo di attività sono state testate quasi 300 donne e 34 sono entrate nel programma EMTCT perché sieropositive.

NEWSLETTER

Mantieniti in contatto con DREAM