HomeDREAMLa Comunità di Sant’Egidio inaugura un nuovo laboratorio per vincere l’AIDS in Africa
30
Nov
2012
30 - Nov - 2012



“Getting to zero” è lo slogan della giornata mondiale contro l’AIDS 2012. Zero nuove infezioni, zero morti dovute all’HIV, zero stigmatizzazioni. In effetti, come illustra il recente rapporto pubblicato dall’UNAIDS (UNAIDS World AIDS Day Report 2012, Results), notevoli progressi si sono avuti per quanto riguarda l’epidemia da HIV, specialmente in Africa. Si è registrata, tra il 2001 e il 2011, una riduzione di piu’ del 50%, di nuovi casi in 25 paesi a basso e medio reddito, di cui piu’ della metà in Africa sub-Sahariana . Il Malawi, un piccolo paese dell’Africa sudorientale, fa parte di questi: uno stato che conta circa 13 milioni di abitanti, in cui il tasso di nuove infezioni in 10 anni è sceso del 73%. Anche le morti AIDS correlate sono diminuite di un terzo (43%) rispetto al 2005. Questi progressi sono dovuti anche al rapido scaling up dell’accesso alla terapia antiretrovirale, che, oltre a far diminuira drasticamente la mortalita, porta anche ad una diminuita contagiosita a livello di popolazione. Il Malawi dal 2004 si e impegnato attivamente nella lotta all’AIDS, arrivando a garantire a piu di 300.000 persone sieropositive il trattamento antiretrovirale.
Al suo fianco, dal 2005, il programma DREAM con 10 centri di cura attivi nel paese focalizzati sull`obiettivo primario di far nascere bambini senza AIDS da madri sieropositive e consentire a queste ultime di restare in vita.


In questo quadro di collaborazione e in occasione della Giornata Mondiale contro l`AIDS, a Mzimba, città del nord del Malawi, alla presenza di numerose autorità, una delegazione del Programma DREAM ha consegnato un nuovo laboratorio di biologia molecolare al Ministro della Salute malawiano.
Il laboratorio, funzionante e con personale già addestrato, è l’unico presente nella regione e permetterà di effettuare analisi essenziali per il monitoraggio della terapia, quali la numerazione dei CD4 e la misurazione della carica virale. Inoltre il laboratorio sarà anche in grado di fornire diagnosi precoce infantile tramite l’HIV DNA test.
Il laboratorio di Mzimba rappresenta quindi un’ulteriore risposta alla domanda di cura dei pazienti africani e un ulteriore passo in avanti di una partnership pubblico-privato tra DREAM e il governo malawiano, “sperando che molti altri passi si possano fare insieme”. DREAM continuerà a cercare soluzioni avanzate e tecnicamente possibili per l’Africa.
Fin dall’inizio il programma DREAM ha considerato che il monitoraggio di laboratorio fosse parte integrante di un elevato standard di cura. Sono ormai 20 i laboratori di biologia molecolare attrezzati e gestiti dal programma DREAM in Africa. Dal 2002 fino ad oggi hanno analizzato 1.026.000 campioni, effettuando 673.000 numerazioni di CD4 e 358.000 cariche virali.
Il potenziamento della rete di laboratori rappresenta un passo in avanti verso il superamento del gap esistente tra malati in Africa rispetto ai malati nel resto del mondo. Infatti tramite il monitoraggio della carica virale e dei CD4 è possibile, in una prospettiva a medio e lungo termine, ridurre il tasso di mortalità tra i pazienti in ART, diminuendo le resistenze/fallimenti terapeutici e quindi i passaggi alla seconda-linea.
DREAM non si è arreso, volendo garantire a tutti i suoi pazienti gli stessi livelli di eccellenza che si hanno nei paesi occidentali, includendo quindi per la diagnosi, inizio e monitoraggio del trattamento e della prevenzione materno infantile, laboratori di eccellenza.
In questo contesto nasce il laboratorio di Mzimba.
Oggi la giornta mondiale di lotta all`AIDS vede tutti gli attori coinvolti in questa lotta uniti da un unico obiettivo: un mondo senza AIDS.
Siamo convinti che per raggiungere questo traguardo c`e bisogno di espandere il trattamento antiretrovirale a tutti quelli che ne hannobisogno ma anche creare le infrastrutture diagnostiche per il controllo totale dell`epidemia.
Il sogno è quello di continuare a sostenere ogni sforzo per migliorare la vita delle persone che vivono con HIV/AIDS, anche e soprattutto in Africa.

   
   

 

NEWSLETTER

Mantieniti in contatto con DREAM