HomeDREAML’eliminazione della trasmissione materno infantile: un sogno che diventa realtà
04
Lug
2015
04 - Lug - 2015



cuba_hiv_freeCuba è il primo paese al mondo a ricevere la certificazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per essere riuscita ad eliminare la trasmissione madre-figlio dell’HIV e della sifilide congenita.

La certificazione è stata ottenuta lavorando sul fronte dell’accesso universale alle cure prenatali, offrendo a tutte le donne in gravidanza e ai loro partner il test HIV e il test della sifilide e il trattamento per le donne che risultassero positive. Tali servizi sono forniti come parte di un sistema sanitario equo, accessibile e universale in cui i programmi di salute materna e infantile sono integrati con i programmi per l’HIV e le infezioni sessualmente trasmesse.

Si stima che ogni anno, a livello globale, 1,4 milioni di donne sieropositive vadano incontro ad una gravidanza. Non trattate, queste donne hanno una probabilità del 15-45% di trasmettere l’HIV ai loro figli durante la gravidanza stessa, il travaglio, il parto o l’allattamento. Tuttavia, tale rischio può scendere a meno del 2% se alle madri viene somministrata la terapia antiretrovirale durante tali fasi.

hivfreePer quanto riguarda la sifilide, quasi 1 milione di donne incinte in tutto il mondo sono infettate con la sifilide ogni anno. Ciò può causare una perdita precoce del feto, morte neonatale, basso peso alla nascita e gravi infezioni neonatali. Tuttavia, semplici test di screening e trattamenti durante la gravidanza, come la penicillina, sono in grado di eliminare la maggior parte di queste complicazioni.

Tra il 2009 e il 2013 la percentuale di donne che hanno ricevuto il trattamento antirtetrovirale nei paesi a basso e medio reddito ha raggiunto il 70%, mentre il processo per arrivare all’eliminazione prevede che questa percentuale salga al 95%.

L’eliminazione della trasmissione è definita come una riduzione della trasmissione a un livello così basso da non costituire più un problema di salute pubblica.

In particolare, bisogna che si rispettino questi indicatori:

  • meno di 50 casi di HIV ogni 100.000 nati
  • un tasso di trasmissione materno infantile <5% nelle donne che allattano e <2% in quelle che non allattano

Mentre per la sifilide:

  • meno di 50 casi di sifilide congenita ogni 100.000 nati

Nel 2013, sono solo due i bambini nati con HIV a Cuba, e 3 quelli nati con la sifilide congenita.

In questo modo Cuba è diventata un modello per tutti i paesi che cercano di raggiungere questo obiettivo, nell’ambito del “Global Plan towards the elimination of new HIV infections among children by 2015”.

PTV- CCRL’accesso precoce al trattamento antiretrovirale (inteso come una combinazione di almeno tre farmaci) e alle cure prenatali sono state le chiavi del successo. Il Programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio, fin dagli inizi, ha somministrato l’Anti Retroviral Therapy alle donne durante la gravidanza, il parto e l’allattamento al seno, ottenendo una percentuale del 98% di bambini liberi da HIV, e nell’anno passato in Mozambico, su 1500 gravidanze seguite non c’è stato nessun caso di sieropositivita tra i bambini.

Uno dei primi studi DREAM , condotto dal 2002 al 2005 in Mozambico su 985 donne in gravidanza HIV-positive e sui loro 958 bambini ha dimostrato come la HAART fosse in grado di ridurre la carica virale materna. Il tasso cumulativo di trasmissione verticale è stato dell’ 1.4% a 6 mesi. Tali risultati hanno dimostrato come fosse possibile anche in paesi a risorse limitate raggiungere tassi di trasmissione talmente bassi da poter essere equiparati a quelli dei paesi occidentali. In seguito alla continuazione della somministrazione dell’HAART dopo la gravidanza, anche l’allattamento al seno da parte di madri HIV-positive non ha portato un rischio aggiuntivo nella trasmissione del virus a 6 mesi (vedi anche: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17620755 ) .

La speranza è che la strada intrapresa conduca presto all’eradicazione della trasmissione madre-bambino dell’HIV anche in altri paesi.

NEWSLETTER

Mantieniti in contatto con DREAM