HomeDREAML’intervista a Paola Germano per Lavanguardia.
15
Feb
2021
15 - Feb - 2021


La coordinatrice del programma Dream Paola Germano spiega, al quotidiano spagnolo Lavanguardia, l’emergenza dovuta alla nuova variante sudafricana del covid19.


Il nuovo ceppo di covid del Sudafrica fa crollare i paesi vicini.

“In Mozambico siamo passati dal rilevare due, tre, venti casi di covid al giorno a mille, 951 nuove infezioni mercoledì. Ora siamo in estate e molti mozambicani che lavorano in Sudafrica stanno tornando a casa in vacanza, un veicolo di contagio molto importante”, spiega Paola Germano, coordinatrice in Africa dei programmi della Comunità di Sant’Egidio. Questa organizzazione, come Medici Senza Frontiere (MSF) e altre ONG, ha avvertito per settimane che la situazione nel continente non ha nulla a che vedere con la prima fase della pandemia, che ora, a causa dell’emergere del nuovo ceppo altamente contagioso, i sistemi sanitari di Mozambico, Malawi o Swaziland (Esuatini) si avvicinano al collasso.

Decine di migliaia di persone che si guadagnano da vivere in Sudafrica, il paese con il maggior numero di test positivi ma con più risorse per affrontare la pandemia, sono anche tornate a casa durante il periodo natalizio. Anche se i numeri massimi sono stati registrati a gennaio e sono diminuiti negli ultimi giorni, c’è preoccupazione per il sovraffollamento dei centri sanitari. “In Mozambico e Malawi sono già pieni, e gli ospedali da campo sono stati allestiti per ricevere i malati, ma più che un problema di letti, è un problema di capacità di gestione. C’è il panico e mancano gli strumenti per seguire l’evoluzione del virus“, aggiunge Germano.

MSF sottolinea che nella città di Beira (Mozambico) stanno affrontando una doppia sfida, il peso del ciclone Eloisa e del covid: “Un terzo di tutti i ricoveri da quando la pandemia è stata dichiarata stanno avvenendo ora; siamo preoccupati per la disponibilità di ossigeno”, dice il dottor Antonio Flores di MSF. Nel resto del paese, la situazione è simile, perché anche se sono stati resi disponibili più letti, c’è bisogno di personale qualificato. Il governo di Maputo ha annunciato che 100 medici del Ministero della Salute saranno inviati sul campo, compreso il capo del Ministero, Armindo Daniel Tiago.

Sant’Egidio ha iniziato a organizzarsi per affrontare il covid nel marzo 2020. “Il lavoro di screening, per determinare chi ha il virus e ha bisogno di cure e chi no, è fondamentale. Abbiamo messo i nostri laboratori di biologia molecolare a disposizione del governo per i test PCR. Per noi è stato naturale effettuare i test perché siamo nel paese dal 2002 per seguire le persone sieropositive attraverso il nostro programma Dream”, dice Germano. I tre laboratori di Sant’Egidio supportano il Ministero della Salute ed eseguono il 40% dei test.

Questo movimento di solidarietà nato a Roma nel 1968 vuole avvertire che, anche se nell’ultimo anno la pandemia non ha colpito l’Africa con tanta virulenza, ora il ceppo sudafricano sta cambiando il panorama in Sudafrica, Kenya, Malawi, Zambia, Swaziland, Etiopia? Germano sottolinea che la situazione in Mozambico, il paese che conoscono meglio, può essere estrapolata ad altre nazioni. Ma mentre il Sudafrica, che mercoledì ha riportato 2.771 nuovi casi e 276 morti, rispetto al massimo di 13.105 del 12 gennaio, ha strutture sanitarie più solide, altri paesi mancano di mezzi e personale qualificato. Il Mozambico ha riportato un totale di 486 morti.

Germano fa notare che il numero reale di vittime è certamente più alto e che un’altra questione allarmante è il numero di vite perse a causa di altre patologie che sono state trascurate. “Da marzo a dicembre, 350 donne sono morte di cancro al collo dell’utero in Mozambico, molte di più che di covid. Più risorse sono state destinate al coronavirus e altre malattie sono state dimenticate”, precisa la coordinatrice di Sant’Egidio.

MSF sottolinea che una delle sfide in Malawi è la fornitura di ossigeno. “Non c’è capacità di intubare i pazienti, non ci sono unità di terapia intensiva disponibili, e a gennaio, il 10 per cento dei ricoverati al Queen Elizabeth Central Hospital è morto. La metà di coloro che sono morti ha meno di 50 anni. Sono persone che dovrebbero sopravvivere se avessero il necessario per curarle”, si lamenta Francesco Segoni, responsabile della comunicazione di MSF in Malawi. L’Africa, che è sempre stata ineguale in quasi tutto, chiede a gran voce l’equità nella distribuzione dei vaccini. Le ONG chiedono che la comunità internazionale sostenga una distribuzione equa.

Qui l’articolo originale.

 

NEWSLETTER

Mantieniti in contatto con DREAM